Via Belenzani durante il Festival. Immagine Ufficio stampa Pat

Eventi

UniTrento per lo Scoiattolo

Sono tante le iniziative del Festival dell’Economia 2024 che vedono coinvolte le competenze dell’Ateneo

21 maggio 2024
Versione stampabile
di Daniele Santuliana
Ufficio Stampa e Relazioni esterne

Torna dal 23 al 26 maggio il Festival dell’Economia di Trento, dedicato quest’anno ai grandi interrogativi della contemporaneità: dai cambiamenti climatici alla transizione ecologica, dallo sviluppo economico all’inflazione, fino ai conflitti e all’intelligenza artificiale. La scorsa settimana, insieme a Ericka Costa del Comitato scientifico, abbiamo approfondito i temi di questa edizione. In questo articolo, facciamo il punto sui tanti eventi che tra giovedì e domenica coinvolgeranno docenti del nostro Ateneo.

Partiamo proprio dal 23 maggio, quando il rettore Deflorian interverrà alla cerimonia inaugurale alle 17.30 al Teatro Sociale di Trento. Ai saluti istituzionali seguirà un confronto tra Lavinia Cigna Biagiotti, presidente e Ceo di Biagiotti Group, e Gianfranco Ravasi, presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Cultura.

Sabato 25 maggio, doppio appuntamento: alle 16, nel cortile di Palazzo Sardagna, la Prorettrice alle Politiche di Equità e Diversità Barbara Poggio interviene all’incontro “Correre o rallentare? Strategie per ritrovare l’equilibrio psico-fisico”. Con lei, Giovanni Lo Storto, direttore generale dell’Università Luiss Guido Carli, e Daniel Lumera, biologo naturalista. Alle 17, nella sala di rappresentanza del Palazzo della Regione, Ericka Costa è tra i protagonisti di “I vincoli della nuova normativa europea sulla sostenibilità e l’impatto sulle imprese”.

Due gli eventi da segnalare anche per la giornata successiva, domenica 26. Alle 12.25, al Cinema Vittoria, Roberto Battiston parla di strategie per l’economia dello spazio italiana con Elena Grifoni Winters del Gran Sasso Science Institute, Alfredo Maglione del Gruppo Optoi e l’astronauta Paolo Nespoli. Nel primo pomeriggio, alle 14, Giorgio Fodor partecipa al panel “Argentina, l’ultima frontiera del populismo”, con Loris Zanatta dell’Università di Bologna e Antonella Mori, a capo del Programma America Latina Ispi.

Anche il festival 2024 dedica una sezione alle “Economie dei territori”, un format curato dalle realtà di riferimento del panorama trentino pensato per raccontare il lavoro di fondazioni, istituzioni, enti di ricerca, organizzazioni del terzo settore e associazioni di categoria,

Da segnalare all’interno di questo ciclo, l’appuntamento di giovedì 23 alle 16.30 alla Fondazione Caritro con Geremia Gios e Marta Villa sul tema “Sostenibilità, gestione dei beni collettivi e cambiamento climatico”. Il giorno successivo, Flavio Deflorian è nel cortile di Palazzo Sardagna (nella Sala delle Scienze in caso di maltempo) per un evento in ricordo di Carlo Borzaga dal titolo “L’impresa che trasforma la società”.

Sabato 25 maggio, il ciclo “Economie dei territori” propone due incontri con docenti dell’Università di Trento: “Impegnati a cambiare”, alle 12.15 alla Camera di Commercio di Trento, con Ericka Costa; “Giovani e mercato del lavoro”, alle 14 alla Fondazione Caritro, con Sandro Trento. Domenica 26 alle 10, si torna alla Fondazione Caritro con Mariangela Franch impegnata a discutere sul tema “Anziani, giovani, bambini: i territori che vincono nella qualità della vita”.

Torna anche il Fuori Festival, con un programma di eventi pensato per il pubblico più giovane e per le famiglie. Per quanto riguarda l’Università, sono cinque gli appuntamenti da segnalare.

Venerdì 24 alle 10.30, Andrea Fracasso, prorettore alla programmazione e risorse, e Alessandra Montresor, dirigente di comunicazione e relazioni esterne, saranno in piazza Duomo per parlare di "Mercato del lavoro e opportunità per i giovani laureati". Lo stesso giorno, ma alla Fondazione Caritro, Maria Laura Frigotto parlerà alle 11.30 di “Aspettative dei giovani e bisogni delle aziende: c’è sintonia?”; nella stessa location, alle 14, Barbara Poggio interviene sul tema “Formula Anti-Odio il valore delle parole e dei gesti”.

La mattina di sabato 25 si apre alle 9.30 all’Itas Forum con Ericka Costa impegnata a discutere di “Trento capitale delle buone pratiche: il volontariato come modello di crescita e sostenibilità”; alle 16.30, nella sala degli Arazzi del Museo Diocesano Tridentino, Paolo Carta è tra i panelist di “Nessun dorma! Giovani alla guida del cambiamento per le comunità”.

Il programma completo della manifestazione è su www.festivaleconomia.it. Consigliamo di verificare online luoghi e orari degli eventi.